DAL RENDICONTO 2013, MAGICAMENTE VIENE FUORI UN “TESORETTO”. NON VENGA SPRECATO. LE NOSTRE PROPOSTE.

tabella_rendiconto.png

tabella_rendiconto.pngQuesta settimana, a partire da ieri,
martedì 3 giugno, quattro consecutive sedute di consiglio comunale dedicate
alla discussione e approvazione del Rendiconto relativo all’esercizio
finanziario 2013 (del bilancio di previsione 2014, come è "pessima"
abitudine dei signori che occupano il Palazzo di Città da nove anni, a metà
anno non c’è traccia, come pure non c’è traccia degli adempimenti sulla Tasi!).

Questa volta, dopo molti anni, c’è
un fatto sorprendente e inquietante che
è
emerso dall’esame del rendiconto 2013.

Presenta un avanzo di
amministrazione (vale a dire, un attivo, soldi in cassa) di circa due milioni e
mezzo di euro. Un’enormità, dato il contesto economico, che si traduce in somme
non vincolate a disposizione dell’amministrazione pari a € 2.457.277 [clicca qui per il testo integrale della proposta deliberativa depositata dall’amministrazione].

Un paio di appunti:

  1. 1) la somma, ci hanno spiegato
    dirigente e funzionari, deriva da un’operazione di "pulizia" del
    bilancio che ha determinato la rimozione o l’aggiornamento di attivi e passivi,
    residui degli anni precedenti, addirittura, in alcuni casi, risalenti agli anni
    ’90;
  2. 2) la circostanza inquietante è
    che tra questi attivi e passivi contabilizzati per anni ci sono somme anche
    molto consistenti (anche 200-300mila euro), da qui la domanda: come è stato
    possibile avere questa zavorra per anni senza che se ne siano accorti prima?
    Impossibile, infatti.

Da questi primi rilievi, due
provvisorie conclusioni:

  • a) In questi anni, Stacca e la
    sua non-maggioranza hanno introdotto o aumentato tasse e tributi locali (ad
    es., si pensi all’addizionale comunale irpef introdotta la prima volta ad
    Altamura nel 2007 e portata alla sua aliquota massima dello 0,80% nel 2009) che
    invece avrebbero potuto evitare o limitare se solo si fossero
    "accorti" (o "degnati") prima di fare pulizia nella
    contabilità comunale.
  • b) Il timore è che si sia
    dinanzi alla classica operazione preelettorale che consentirà a questi signori
    di disporre in questi ultimi ultimi dieci mesi di questo tesoretto magicamente
    tirato fuori dai mille rivoli del bilancio di potere per smargiassate,
    prebende, operazioni di facciata, regali e cotillons. Campagna elettorale,
    insomma, a spese dei cittadini.

Per quanto ci riguarda (io, Rosa
Melodia, Lello Rella e i consiglieri del pd), ci siamo attrezzati di
conseguenza. Abbiamo depositato 10 emendamenti alla proposta deliberativa di
approvazione del rendiconto con cui "vincoliamo" l’avanzo di
amministrazione in dieci distinte voci per il prossimo bilancio 2014.

Tutti assieme fanno una piccola,
ma significativa, manovra di bilancio. Riprendendo alcune proposte già avanzate negli anni scorsi  e rimaste lettera morta [v.
VOTATA MOZIONE CON UN PACCHETTO DI PROPOSTE CONCRETE PER RIPARTIRE: SOLIDARIETA’ E LAVORO], prevediamo di destinare questa somma a misure
di solidarietà e sostegno alle fasce più deboli della popolazione altamurana,
interventi di riqualificazione di alcune zone della città, a misure di rilancio
dell’economia altamurana e, infine, per il contenimento degli aumenti che potrà
generare l’imminente applicazione della Tasi sulla prima casa.

Illustreremo gli emendamenti in
queste sedute consiliari.
Di
seguito, riporto il contenuto degli emendamenti.

Altamura, 4 giugno 2014

ENZO COLONNA

logo-ariafresca.jpg

    MOVIMENTO CITTADINO ARIA FRESCA
    (Sito internet: www.altamura2001.com)
 

_______

ECCO I NOSTRI EMENDAMENTI:

Considerato
che dal rendiconto relativo all’esercizio finanziario 2013 risulta sussistere
un avanzo di amministrazione non vincolato per € 2.457.277,56, proponiamo di
integrare, con dieci emendamenti, la proposta di deliberazione di C.C. n. 22
del 10/04/2014 “Approvazione del rendiconto della gestione dell’esercizio
finanziario 2013”:

Emendamento n. 1
vincolare
la somma di € 300.000,00 per misure di sostegno ai nuclei familiari in
condizioni di disagio economico in cui siano presenti persone con invalidità
pari al 100%: incremento del contributo per gli affitti, agevolazioni ed
esenzioni nei tributi locali
”.

Emendamento n. 2
vincolare
la somma di € 300.000,00
a misure di incremento del welfare locale a beneficio di
nuclei familiari con minori in condizioni di disagio economico: aumento delle
soglie reddituali di esenzione dal pagamento del ticket mensa della scuola
primaria dell’infanzia; incremento del contributo per l’acquisto dei testi
scolastici per le scuole di ogni ordine e grado
”.

Emendamento n. 3
vincolare la somma di € 200.000,00 all’attuazione – in
collaborazione con la REGIONE PUGLIA e l’ENTE PARCO NAZIONALE DELL’ALTA MURGIA
– di un servizio di prevenzione degli incendi del patrimonio agrario e
forestale e di pulizia del territorio comunale extra urbano nonché delle aree
pubbliche periferiche in cui impegnare disoccupati residenti ad Altamura
”.

Emendamento n. 4
vincolare la somma di € 300.000,00 alla costituzione di un
fondo per l’erogazione di borse lavoro (per un importo massimo di € 5.000,00)
per finanziare i costi di di investimento nell’avvio di attività artigianali e
professionali nel territorio di Altamura da parte di persone di età inferiore a
35 anni
”. 

Emendamento n. 5
vincolare la somma di € 50.000,00 per assicurare e
potenziare i servizi erogati attraverso lo Sportello Immigrati
”. 

Emendamento n. 6
vincolare la somma di € 100.000,00 all’attuazione – in
collaborazione con l’organizzazione denominata BANCA ETICA – di un programma
per la concessione di microcrediti (non oltre € 5.000,00) in favore di persone
e famiglie in condizione di contingente difficoltà e che non possono accedere
agli ordinari canali di credito
”.

Emendamento n. 7
vincolare la somma di € 300.000,00 ad interventi
finalizzati al recupero, manutenzione e sistemazione delle aree destinate a
verde pubblico con particolare attenzione a quelle periferiche (a titolo esemplificativo:
piazzale Giulio Cesare ed aree limitrofe; parco giochi del Boschetto; zona
Trentacapilli; aree limitrofe a piazzale Risorgimento, ed ogni altra area che
sarà individuata secondo i principi della partecipazione attiva della
cittadinanza
”. 

Emendamento n. 8
vincolare la somma di € 200.000,00 all’attuazione di misure
di defiscalizzazione o incentivi di altra natura in favore di interventi
edilizi sul patrimonio immobiliare privato esistente finalizzati
all’efficientamento energetico e al risparmio idrico
”.

Emendamento n. 9
vincolare la somma
di € 50.000,00 per il riavvio delle attività presso il Laboratorio Urbano
Port’Alba
”.

Emendamento
n .10

vincolare
la somma di € 657.277,56
a contenimento di eventuali maggiorazioni determinate a
livello comunale dall’applicazione del nuovo sistema di tassazione (tasi) sugli
immobili ad uso residenziale destinati ad abitazione principale e sugli
immobili ad uso residenziale, diversi dall’abitazione principale, in godimento
a titolo gratuito da uno o più congiunti del proprietario entro il I grado a
condizione che il congiunto non sia proprietario di altri immobili destinati ad
uso residenziale nel territorio comunale o utilizzati da terzi, come abitazione
principale, in forza di contratto di locazione c.d. a canone concordato
”.