SI INVENTANO UN ALTRO INFOPOINT. SPERPERI E BUGIE.

foto_info_point.jpg

 foto_info_point.jpg

Queste sono le cose che fanno incazzare.
Nonostante le numerosissime sollecitazioni [v., ad esempio, qui] e gli altrettanto numerosi annunci e impegni di sindaco e amministratori comunali al potere, non abbiamo
ancora notizie della consegna del discutibilissimo Info Point di via Treviso che
dovrebbe fungere da centro di informazione turistica del territorio. Una
struttura inutilmente spropositata, fuori luogo, grande e costosa.
Non abbiamo notizie della fine dei lavori che cartelli di
cantiere e opuscoli elettorali fissavano prima per il febbraio 2009 e poi per
al fine del 2010 e poi sempre più avanti nel tempo (ora, a vista, pare siano
terminati).
Non abbiamo notizie, nonostante il tema sia stato più volte sollevato,
dei contenuti e delle funzioni che l’amministrazione vuole assegnare alla
struttura e di quale forma di gestione sarà assicurata.
Ebbene, dopo aver speso sinora, per una simile struttura,
una somma che supera il milione di euro, cosa si inventano Stacca & Amici
al potere cittadino da nove anni?
Per il tramite del GAL – società di cui il Comune di
Altamura è socio di riferimento e amministrata da persone designate dal sindaco
stesso – hanno ora intenzione di realizzare un altro “centro di informazione e
accoglienza turistica” presso il complesso del Monastero del Soccorso, in
piazza della Resistenza
[leggi qui; per il bando, da qui].
Sia chiaro, condivido appieno il ricorso al concorso di idee
per la progettazione, ma il problema è un altro, a monte. Di quanti infopoint
ha bisogno questa Città? Perché la spesa pubblica locale prescinde dagli effettivi
bisogni e da una coerente programmazione?
Il fatto è che i signori al potere cittadino non hanno
alcuna idea di cosa sia governare, cosa sia programmare, cosa sia preservare e
utilizzare al meglio le risorse pubbliche. Non hanno proprio idea di cosa sia
“un’idea di Città”. Il loro è puro potere: occupazione e conquista di poltrone,
spartizione dei relativi privilegi.
Non se ne può più. È tempo di dichiarare aperta
l’alternativa al declino. Una nuova stagione, con nuovi amministratori, nuove
energie, nuovi entusiasmi.

Altamura, 10 gennaio 2014

ENZO
COLONNA

logo-ariafresca.jpg

    MOVIMENTO CITTADINO ARIA FRESCA
    Sito internet: www.altamura2001.com