TRA 97 GIORNI SCADE APPALTO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI.

logo-ariafresca.jpg

 TUTTO TACE DALL’AMMINISTRAZIONE

LA PROROGA ALLA TRADECO È
ORMAI CERTA

Da lungo tempo
e con cadenza periodica (l’ultima volta, un mese fa: leggi qui), andiamo
ricordando la scadenza (30 gennaio 2012) del contratto decennale di raccolta e
smaltimento dei rifiuti che lega il Comune alla Tradeco, ossia dell’appalto di
gran lunga più oneroso che pesa sul bilancio comunale: poco meno di 10 milioni
di euro che assorbono quasi un quarto di tutte le risorse correnti annuali a
disposizione dell’amministrazione cittadina
.

Siamo ormai
arrivati a meno di 100 giorni dalla scadenza dell’appalto e non possiamo che
sottolineare quello che è un vero e proprio scandalo alla luce del sole, un monumento
all’irresponsabilità amministrativa e civica. Nonostante la delicatezza e la
complessità della questione, il sindaco e la sua maggioranza non hanno ancora
avviato alcuna discussione o procedura per delineare la futura gestione del
servizio
di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Gestione
interamente pubblica o affidata ad un’azienda comunale o sovracomunale? Oppure
affidata, come è stato sinora, ad un imprenditore privato? O ancora una
gestione in parte pubblica e in parte nelle mani dei privati? Noi abbiamo le
idee chiare in proposito. A nostro parere, quando si parla di rifiuti, dovremmo
riscoprire i vantaggi e le virtù di una gestione pubblica
(o mista,
pubblico-privata), che garantisce meglio gli interessi dei cittadini,
soprattutto sotto il profilo della sicurezza. Magari coinvolgendo cooperative
di lavoro formate da disoccupati per specifiche mansioni (es. servizi porta a
porta)
.

Ma le persone e
i gruppi al potere cittadino, pur sollecitati da oltre un anno numerose volte,
non ne vogliono parlare o non ne vogliono parlare pubblicamente e in modo
trasparente. Quando invece, argomenti seri, come quello dei rifiuti, vanno
trattati con serietà e a carte scoperte.

L’effetto è un
totale e clamoroso disinteresse, il cui risultato ultimo è ormai certo: la
proroga dell’attuale costoso servizio e un inesorabile, ulteriore aumento della
tassa sui rifiuti l’anno prossimo
. Come se in questi anni non fossero già bastati
ai malcapitati cittadini quattro aumenti di fila della Tarsu (aumentata in un
colpo solo del 25% quest’anno e, complessivamente, del 94% durante l’amministrazione
Stacca). Come se non fosse sufficiente il misero 13,6% di raccolta
differenziata a certificare l’incapacità degli attuali amministratori.

Ormai, con
questi amministratori comunali, la mancata risoluzione dei problemi è diventata
la regola, la normalità. Da parte nostra, non ci arrendiamo alla sciatteria, al
menefreghismo e all’arroganza con cui viene trattato il destino della nostra
Città
da parte di un ristretto gruppo di potere. Torniamo a chiedere – e lo
faremo ancora a breve se non dovesse accadere nulla – che immediatamente si
apra una discussione pubblica sul nuovo servizio di raccolta e smaltimento dei
rifiuti e, soprattutto, sulle forme della sua gestione
.

Ogni giorno di
ritardo, è un giorno in più di pesanti costi e inefficienze caricati sulle
spalle dei cittadini altamurani. Lo ripetiamo: uno scandalo al sole!

Altamura, 24 ottobre 2011

logo-ariafresca.jpg

    MOVIMENTO CITTADINO ARIA FRESCA

   Sede: Claustro Michele Giannelli n. 81 (a ridosso di Piazza Municipio, al primo piano). Sito internet: www.altamura2001.com