VERITA’ PER LA DISCARICA DI ALTAMURA: LENTAMENTE E A FATICA, QUALCOSA SI MUOVE

comunicazione_provincia_-_tavolo_tecnico_discarica.png

DOPO LE NOSTRE NUMEROSE SOLLECITAZIONI E PRESE DI POSIZIONE

Finalmente, molto lentamente e con molta fatica, si muove
qualcosa per comprendere una volta per tutte cosa è sepolto sotto la discarica
di Via Laterza e quindi capire come intervenire per mettere in effettiva
sicurezza l’impianto.

comunicazione_provincia_-_tavolo_tecnico_discarica.pngCon una comunicazione ufficiale del 9 maggio [vedi immagine
in basso], la Provincia
di Bari ha convocato un tavolo tecnico per discutere della «chiusura e post
esercizio della discarica “Le Lamie” di Altamura». La comunicazione – inviata
anche all’assessore regionale all’ambiente Nicastro, alla direzione dell’ASL e
dell’ARPA Puglia – è indirizzata al sindaco di Altamura ed è motivata dall’auspicio
di «fornire risposte adeguate alle “aspettative ambientali” fortemente
sollecitate da esponenti delle comunità locali». Il tavolo tecnico si terrà
venerdì 20 maggio alle ore 10 a
Bari, nella sede del Servizio Ambiente e Rifiuti della Provincia di Bari, e vi
parteciperà, assieme ad altri esponenti consiliari di minoranza e maggioranza, anche
Enzo Colonna, nostro rappresentante in consiglio comunale.

Siamo soddisfatti che si sia arrivati a questo primo passo
per avviare quello che da anni chiediamo: una vera e propria “operazione
verità” che rassicuri i cittadini su quello che è stato smaltito nell’impianto
di contrada “Le Lamie” in oltre venti anni di esercizio. In questi anni, abbiamo
più volte sollecitato (anche attraverso iniziative formali del nostro
consigliere comunale) l’amministrazione a mettere in campo tutti gli sforzi per
procedere, preliminarmente alla messa in sicurezza, ad una verifica su quanto è
stato smaltito, affidando ad un organismo autorevole e imparziale l’incarico di
effettuare analisi e carotaggi per accertare se i rifiuti depositati nella
discarica sono rispondenti a quanto risulta dai documenti ufficiali [leggi ad esempio qui
e qui]. La
nostra posizione fu fatta propria dall’intero consiglio comunale che, il 14
gennaio scorso, su sollecitazioni anche di altri consiglieri e del consigliere
regionale Ventricelli, approvò all’unanimità un ordine del giorno [leggi
qui
] che, tra le altre cose, chiedeva esplicitamente di «procedere ad
ulteriori attività di accertamento indagine e verifica attraverso metodologie
di analisi che rilevino i valori di concentrazione limite per eventuali
sostanze inquinanti presenti nel suolo e sottosuolo e nelle acque sotterranee».

Dopo un lungo silenzio, ci auguriamo possa iniziare un
approfondito e celere percorso verso la verità. Da parte nostra, continueremo ad
informare puntualmente la Città
sull’evolversi della situazione.

Altamura, 14 maggio 2011

logo-ariafresca.jpg

    MOVIMENTO CITTADINO ARIA FRESCA

   Sede: Claustro Michele Giannelli n. 81 (a ridosso di Piazza Municipio, al primo piano). Sito internet: www.altamura2001.com