OMICIDIO DAMBROSIO: INQUIETANTI RIVELAZIONI

Nichi Vendola: «Le indagini sull’omicidio Dambrosio portano ad ambienti del consiglio comunale di Altamura e a interessi maturati negli ultimi mesi sulla lavorazione dei rifiuti».

Dopo tempo, anche i vertici della politica regionale rilanciano la questione. Sottolineiamo questo passo di un articolo pubblicato una settimana fa dal quotidiano “la Repubblica” con le dichiarazioni del governatore Vendola:

«Sul pericolo di infiltrazioni della criminalità organizzata in Puglia che possano interessare l’intero ciclo dei rifiuti "troviamo più di una conferma – afferma il governatore Vendola – dalle notizie di cronaca che ogni giorno escono sui giornali. Recentemente, ad esempio, un boss mafioso è stato ucciso in maniera cruenta nelle campagne di Altamura (si tratta di Bartolo Dambrosio, che intratteneva rapporti con diversi uomini politici, ndr). In questo caso le indagini portano, da quanto emerge da articoli di stampa, ad ambienti del consiglio comunale della cittadina e a interessi maturati nel corso degli ultimi mesi sulla lavorazione dei rifiuti. Questi, è bene ribadirlo, producono, allo stesso modo della sanità, un numero ingente di interessi e un forte flusso di denaro”» [la Repubblica, edizione di Bari, del 3 febbraio 2011: clicca qui per leggere l’articolo per intero].

Espliciti ed eclatanti i riferimenti ad “ambienti del consiglio comunale” e agli “interessi maturati nel corso degli ultimi mesi sulla lavorazione dei rifiuti”. Per giunta, che non si sia in presenza di parole pronunciate a vanvera vi sono non solo l’autorevolezza e l’indubbia capacità comunicativa del Presidente Vendola, ma anche il contesto in cui sono state pronunciate, a margine dell’audizione tenuta a Roma, mercoledì 2 febbraio, presso la Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti.

Non sappiamo quali siano gli elementi e le informazioni in possesso del Presidente Vendola, ma una cosa è certa: in questi mesi, non avevamo mai letto o ascoltato qualcosa del genere.

Affermazioni pesantissime, quelle di Vendola, che ci hanno indotto ad attendere qualche giorno prima di rilanciare questa notizia. Considerate la gravità e la delicatezza degli argomenti e l’autorevolezza della fonte, abbiamo atteso le prese di posizione e le reazioni di figure e gruppi di ben altri e alti (rispetto ai nostri) ruoli istituzionali e politici.

Tutto inutile. Nulla. Non un comunicato, non un sussulto, non una parola, un bisbiglio, nemmeno uno sbadiglio.

Come se nulla fosse successo. Come se nulla fosse stato detto. Come se ad Altamura fosse del tutto normale, scontato, collegare direttamente un omicidio (quello di Bartolo Dambrosio) ad “ambienti del consiglio comunale” e agli “interessi maturati nel corso degli ultimi mesi sulla lavorazione dei rifiuti”. Tanto più che si è ad undici mesi dalla scadenza dell’appalto di raccolta e smaltimento dei rifiuti e si rende necessario definire, sin da ora, termini e condizioni della futura gestione.

Come al solito, dobbiamo essere noi i primi a farsi avanti, a rompere il silenzio, per chiedere e attendere verità e chiarezza, con forza e a tutti i livelli. Per prima cosa, intanto, riteniamo doveroso che il consiglio comunale venga immediatamente convocato per farsi carico della situazione.

Altamura, 9 febbraio 2011

logo-ariafresca.jpg

    MOVIMENTO CITTADINO ARIA FRESCA

   Sede: Claustro Michele Giannelli n. 81 (a ridosso di Piazza Municipio, al primo piano). Sito internet: www.altamura2001.com