O VERI CHIARIMENTI O DIMISSIONI

logo-ariafresca.jpg

MAZZETTE
E BUSTARELLE IN COMUNE SECONDO LE INTERCETTAZIONI E INFORMATIVE DEI CARABINIERI
PUBBLICATE DALLA STAMPA

Altamura vive un momento difficilissimo. Da anni, singoli cittadini, associazioni
e movimenti invitavano l’amministrazione comunale a non sottovalutare i chiari
segnali di pericolo che si coglievano
[leggi
qui
ed anche qui]: denunce di estorsioni e
usura, casi di lupara bianca, aggressioni a giornalisti, intimidazione a
dirigenti comunali. Invece, da parte del sindaco e di molti esponenti di
maggioranza, siamo stati costretti a sentire il solito ritornello che dipingeva
Altamura come un’isola felice. Ci
sono voluti gli ultimi eclatanti fatti di sangue per far aprire, forse, gli
occhi al sindaco Stacca
[leggi qui].

Il 14 settembre, in Municipio, abbiamo ascoltato ed
apprezzato la relazione del Sottosegretario agli Interni Alfredo Mantovano
, che ha detto: «Non si può comprendere il fenomeno se non
partendo da lontano, dal 2005, da alcuni omicidi e da un sequestro, e dalle
azioni di carattere criminale condotte nei confronti di un giornalista di un’emittente
radiofonica locale. E di tutti gli episodi che sono venuti dopo, fino
all’ultimo omicidio
» [leggi
qui
]. Il sindaco era all’ascolto? È
ancora convinto che “l’isola felice” da lui vagheggiata sia mai esistita?

Ad un quadro di tale
gravità si sono aggiunte le imbarazzanti
dichiarazioni di primari esponenti dell’amministrazione cittadina
, volti a
ridimensionare (o a “beatificare”, come ha commentato con sconcerto lo stesso
Mantovano) la figura criminale della vittima dell’ultimo omicidio, Bartolo
Dambrosio, della cui amicizia del resto si onoravano [leggi
qui
].

Come se non
bastasse, viene reso noto in questi
giorni dalla stampa regionale e nazionale il contenuto di un’informativa dei
carabinieri
con intercettazioni che coinvolgono un noto imprenditore altamurano,
il segretario particolare del sindaco e l’attuale presidente del consiglio
comunale [leggi
qui
ed anche
qui
]. Ne emerge, secondo gli
investigatori, un quadro riconducibile a mazzette, tangenti e corruzione.
Nelle
intercettazioni e nella relazione dei carabinieri, non mancano espliciti riferimenti allo stesso sindaco.

Altamura e i suoi
cittadini a questo punto esigono gesti chiari e chiarimenti veri.

Agli esponenti dell’amministrazione, delle forze politiche
di maggioranza e dello staff personale del sindaco che hanno espresso
valutazioni sconcertanti su quanto accaduto o che sono coinvolte nel pesante
quadro che emerge dalle intercettazioni e dall’informativa dei carabinieri, si
chiede un atto di responsabilità: le dimissioni.

Per quanto riguarda il Sindaco Stacca, che la relazione
degli investigatori chiama in causa, se ha argomenti e risposte da fornire lo
faccia senza indugio, altrimenti, lo diciamo con chiarezza, si dimetta
immediatamente.

Sono gesti e chiarimenti imposti dalla gravità della situazione e dalla
necessità di spazzare ogni dubbio sulla condotta di chi gestisce la cosa
pubblica e cura gli interessi della collettività.

Non è il momento di
eludere le questioni: ora, come non mai, PULIZIA IN COMUNE!

 

Altamura, 16 settembre 2010

logo-ariafresca.jpg

    MOVIMENTO CITTADINO ARIA FRESCA
   Sede: Vico Mercadante (di fronte Chiesa S.
Nicola). Sito internet: www.altamura2001.com