FONDI REGIONE PER LE ZONE INDUSTRIALI. UNA PROPOSTA: UNA RETE WIRELESS O UNA RETE DI FIBRE OTTICHE?!

NUOVE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO PER MIGLIORARE INFRASTRUTTURE E SERVIZI DELLE ZONE INDUSTRIALI: L’AMMINISTRAZIONE SAPRÀ COGLIERLE?

 

Con atto n. 469 del 20 luglio 2009 del Dirigente del Servizio Artigianato, PMI e Internazionalizzazione (pubblicato nel bollettino ufficiale n. 117 del 30 luglio 2009: CLICCA QUI), la Regione Puglia ha approvato il bando per il finanziamento di "Iniziative per le infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi”. Si tratta di importanti risorse, derivanti da fondi europei inseriti nei Programmi Operativi 2007-2013, destinate a sostenere e migliorare le aree industriali e il tessuto produttivo locale aumentando la dotazione di servizi e infrastrutture.

I beneficiari dell’azione sono gli enti locali (quindi anche il Comune di Altamura) e i Consorzi di Aree di Sviluppo Industriale.

Gli interventi possibili nelle aree esistenti (indice di insediamento minore o uguale al 75%) sono:

  • ammodernamento e rifunzionalizzazione delle infrastrutture esistenti (con esclusione degli interventi di manutenzione), realizzazione di reti tecnologiche (reti energetiche, reti per la fornitura di acqua industriale, infrastrutture per la sicurezza, infrastrutture ICT);
  • completamento infrastrutturale dell’intera area;
  • miglioramento delle condizioni di accessibilità degli agglomerati per gli insediamenti produttivi alle reti di trasporto nazionali;
  • centri servizi di valenza interprovinciale o regionale che presentano modelli gestionali innovativi e piani finanziari di gestione con copertura dei costi assicurata prevalentemente dai soggetti beneficiari del servizi offerti;
  • servizi e infrastrutture per la conciliazione (nidi, centri diurni per l’infanzia, mense, ecc.).

Nelle nuove aree (indice di insediamento maggiore al 75%), sono invece possibili:

  • interventi di completamento delle aree strettamente connesse alle imprese insediate e finalizzati alla completa operatività delle infrastrutture primarie;
  • interventi di ammodernamento e rifunzionalizzazione delle infrastrutture esistenti strettamente connesse alle imprese insediate (con esclusione degli interventi di manutenzione), realizzazione di reti tecnologiche (reti energetiche, reti per la fornitura di acqua Industriale, infrastrutture per la sicurezza, infrastrutture ICT);
  • interventi di infrastrutturazione di nuove aree;
  • interventi per il miglioramento delle condizioni di accessibilità degli agglomerati per gli insediamenti produttivi alle reti di trasporto nazionali;
  • servizi e Infrastrutture per la conciliazione (nidi, centri diurni per l’Infanzia, mense, ecc.).

Nel complesso, si tratta di un ampio spettro di iniziative attivabili, tutte potenzialmente in grado di rendere più vivibili per lavoratori e imprenditori le zone industriali e artigianali della nostra Città. A patto che l’amministrazione comunale questa volta si attivi rapidamente per presentare validi progetti ammissibili al finanziamento e non lasci cadere anche questa opportunità come in passato purtroppo accaduto per il PIRP di Via Selva, le zone franche urbane, l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle scuole, ecc.. Tutte opportunità segnalate dal nostro Movimento e gettate alle ortiche dagli attuali amministratori con superficialità, faciloneria, arroganza.

Con i fondi ora stanziati dalla Regione, ad esempio, si potrebbe realizzare il cablaggio in fibra ottica delle aree industriali cittadine o dotarle di un’efficace rete wireless. Interventi che migliorerebbero il flusso informativo e abbatterebbero i costi di comunicazione delle imprese locali, andando a integrare i doverosi lavori di asfaltatura della zona industriale di Via Gravina che sono stati finalmente messi a gara dopo tanti anni (CLICCA QUI).

Ci auguriamo che, per il bene della Città, questa volta Stacca e la sua squadra mostrino maggiore attenzione alle nostre segnalazioni e proposte, a differenza di quanto purtroppo è avvenuto in questi anni in tante altre circostanze. I tempi stringono: la richiesta di finanziamento va trasmessa entro il 30 ottobre 2009. Ne saranno capaci?

Altamura, 9 settembre 2009

MOVIMENTO CITTADINO ARIA FRESCA

Sede: Vico Mercadante (di fronte Chiesa S. Nicola). Sito internet: www.altamura2001.com